Giustizia, il grido dei tirocinanti: “Noi lavoratori senza diritti” e scendono in piazza a Roma il 23 ottobre

“I tirocinanti presso gli Uffici Giudiziari non hanno alcun diritto, nonostante siano inseriti a pieno regime nel ciclo lavorativo e abbiano un ruolo di assoluta indispensabilità così come affermato da numerosi presidenti di Corti di Appello e Tribunali”. E’ questa la denuncia esposta dai sindacati FpCigl e UILPA, che si sono pronunciati sul caso di circa 500 ragazzi campani e 3400 in tutta Italia che permettono, con il loro prezioso contributo, di sopperire alle gravissime lacune di organico che da anni caratterizza il settore Giustizia.

“Non è più sostenibile – spiegano in una nota i sindacati – che questi lavoratori che affiancano il personale interno continuino a permanere in una situazione che li vede privi di diritti ma che richiede loro tutte le prestazioni di un normale lavoratore senza, oltretutto, una giusta retribuzione”.

Anche per questo, mercoledì prossimo, il 23 ottobre, tutti i tirocinanti della Giustizia scenderanno in Piazza della Rotonda, alle spalle di Palazzo Madama, sede del Senato, per sostenere dalla piazza l’approdo nelle commissioni parlamentari di un emendamento alla legge di stabilità che, se approvato, potrebbe consentire a tutti i tirocinanti un prosieguo dell’attività dopo il 30 novembre, data di scadenza del completamento del tirocinio.

“Nella legge di stabilità 2014 – spiegano i sindacati – è giunto il momento di riconoscere le prestazioni tramite una contrattualizzazione della loro collaborazione. Pensiamo che i tempi siano maturi affinchè il tirocinio sia tramutato in un contratto a tempo determinato, nelle forme regolate dalla legge e nel rispetto delle norme di selezione ed accesso alla pubblica amministrazione”.

Numerosi saranno i pullman che partiranno dalla Campania ed in particolare da Napoli, Salerno e Benevento e che toccheranno altre città come Avellino, Nola, Torre Annunziata e Santa Maria Capua Vetere. Si preparano, dunque, ad invadere Roma i 500 tirocinanti campani, selezionati con concorso pubblico da sei istituti universitari, che svolgono il tirocinio presso gli uffici giudiziari da un anno (ottobre 2012) e che prevede, in particolare, attività di supporto al personale di cancelleria, vista anche la cronica carenza di personale.

“Saremo moltissimi e rumorosi – annunciano dal coordinamento campano dei tirocinanti – stiamo preparando striscioni e t-shirt, ci armeremo di fischietti e tutto ciò che possa attirare l’attenzione. Andiamo a Roma consapevoli di portare con noi anche le istanze dei numerosi presidenti di Corti di Appello e Tribunali che hanno manifestato, anche scrivendo al Ministro Cancellieri, la nostra assoluta indisponibilità. Al nostro fianco, in piazza a Roma, avremo molti esponenti politici di diverse provenienze. Seguiremo l’approdo in Senato di un emendamento che fa sperare noi e tutto il settore Giustizia”.

Nella foto il dipinto di Ezio Marinoni.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *