Storia incredibile dagli Usa: spari a Babbo Natale, indagini a tappeto

Washington (USA) – Il Natale, come si sa, è una delle festività più diffuse al mondo. Ed uno dei motivi principali di questa sua diffusione risiede forse nei principi che sono alla base della sua esistenza: amore, fratellanza, perdono. “A Natale sono tutti più buoni”, si dice. Ma quando si viene a sapere dalla CNN che in Washington (USA), proprio nel giorno di Natale, un uomo travestito da “Santa Claus”(Babbo Natale) veniva raggiunto alle spalle dai colpi di una pistola ad aria compressa mentre distribuisce doni ad alcuni bambini bisognosi, qualche dubbio sull’influsso positivo di questa giornata “speciale” risulta fondato. Il cecchino si era appostato probabilmente da un  finestra del quartiere, ma la sua identità ed i motivi che hanno portato a questo atto barbarico sono tuttora sconosciuti. Il razzismo è un’ipotesi, considerato che Babbo Natale era impersonato da un uomo di colore, il quale è stato immediatamente soccorso, mentre urlava in preda al dolore. Quasi istantaneo il trasporto all’ospedale, dove le ferite del malcapitato benefattore sono state medicate senza problemi. Il lieto fine di questa triste pagina di cronaca non deve però far passare in secondo piano una realtà molto triste, dove addirittura Babbo Natale viene “abbattuto” a colpi di pistola (anche se solo ad aria compressa). Realtà che nemmeno lo spirito natalizio riesce ad addolcire. Sarà per l’anno prossimo, forse.

Alfono Formicola

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *